Focaccia di Recco in 15 minuti, si può!

Focaccia di Recco in 15 minuti, si può!

Qui in Liguria la focaccia è il pane quotidiano amato da tutti, quella che nella maggior parte dell’Italia viene chiama “pizza bianca”, la focaccia di Recco è un must.

La caratteristiche che la contraddistinguono è che la pasta è sottilissima, stesa in doppia sfoglia con al centro un cuore di crescenza che diventa quasi liquida.

Gli ingredienti sono pochi ma buonissimi, il risultato è strepitoso e chiunque la assaggia non la dimentica più.

La cosa bella è che è facilissima da fare anche a casa e si possono ridurre i tempi a 15 minuti di preparazione, compresa la cottura in forno!

L’impasto è molto semplice e il segreto è stenderlo in due sfoglie quasi trasparenti, senza nessun tipo di lievito.

Eccezionalmente darò delle quantità per l’impasto per una focaccia tonda, ma la cosa che bisogna controllare è che rimanga piuttosto idratato, anche al 70-80% e che sia steso davvero sottile.

200 gr. Farina (anche farine miste)

1 bicchiere colmo di acqua

1/2 bicchiere scarso di olio extravergine d’oliva

Stracchino a piacere (almeno 200 gr.)

[ sale ]

Prima di tutto mescolo gli ingredienti asciutti, poi aggiungo l’olio extravergine e per ultima l’acqua a temperatura ambiente.

Comincio ad impastare in una terrina e l’impasto comincia subito a nascere, è un impasto elastico che si può mettere subito sulla spianatoia e impastare ancora brevemente.

Quando è pronto dovrebbe essere lasciato riposare coperto per un’ora a 20° circa, ma questo passaggio si può saltare senza incappare in particolari problemi.

Il mio impasto è un po’ scuro perché ho usato farina integrale, spesso uso farine miste di tutti i tipi, quelle che voglio provare o che ho da finire in quel momento, anche senza glutine.

Dopo pochi minuti di lavorazione comincio a dividere subito l’impasto in due e a stendere le sfoglie sottilissime con il mattarello.

Ne metto una sulla carta da forno, poi aggiungo tanto stracchino a pezzi, un filo di olio extravergine e copro con la seconda sfoglia.

Arrotolo bene i bordi in modo che lo stracchino non esca quando comincia a sciogliersi e poi bucherello con una forchetta.

Sulla superficie metto un velo di emulsione di olio e acqua (soprattutto olio e poca acqua), poi inforno subito in forno bello caldo a 250-270° per 7 minuti circa.

La mia focaccia di Recco è già pronta e ce la siamo mangiata ieri sera a cena, però è avanzata una noce di impasto e con quello ho preparato uno stuzzichino per aspettare la fine della cottura, presto ve lo racconto.

Buon appetito…

Focaccia di Recco in 15 minuti, si può!

Focaccia di Recco in 15 minuti, si può!

10 thoughts on “Focaccia di Recco in 15 minuti, si può!

  1. sì lo so, c’era anche scritto.
    il senso del mio commento precedente era ‘come mai?’
    le ricette che avevo io della focaccia di Recco lo prevedono.
    (ma magari non sono originali…)

    • Per due motivi 😉
      1. per quello che ne so l’originale è senza lievito (la pasta è sottilissima)
      2. perchè sto sperimentando impasti senza nessun tipo di lievitanti per ridurre possibili intolleranze e per ridurre i tempi all’osso.

      • grazie, Alessia.
        se hai altri impasti senza lievito, passa.
        macchettelodicoaffà

        (lo so c’è l’impasto magico di crackers e grissini, ma quello lo faccio anch’io. aspiro a qualcosa di simile a questa focaccia, ma senza stracchino. sarà chiedere troppo? uhm… 😀 )

  2. Ciao, non so se ho sbagliato io… ma fino all’olio tutto bene… poi ho aggiunto l’acqua (mezzo bicchiere alla volta)…e mi è venuta una pasta quasi liquida… per ottenere una palla un minimo solida ho dovuto aggiungere un bel po’ di cucchiai di farina in più…a voi è successo anche?! Grazie 🙂

    • Ciao Matteo,
      considera che a seconda della farina che si usa l’assorbimento del liquido può essere diverso quindi è sempre bene non versare tutta l’acqua insieme ma versarla in due tre volte e dopo ogni aggiunta impastare un pochino, così se la quantità d’acqua necessaria è inferiore te ne accorgi e smetti di aggiungerne 😉

  3. Pingback: Focaccia con fragole e cioccolato e poi #LiberidiSporcarsi | Alessia, scrap & craft...Alessia, scrap & craft…

Rispondi